Please enable JS

GUIDA ALL'ACQUISTO DEI CLIMATIZZATORI PER LA CASA

Cerchiamo di capire di più sul funzionamento del condizionatore, come installarlo, come dimensionarlo, quanto consuma. Partiamo subito con il funzionamento.
Il condizionatore d’aria è composto da due elementi: lo splitter che va installato internamente all’appartamento, e il motore esterno che si monta fuori dall’abitazione  indispensabile al funzionamento del condizionatore.
C’è bisogno di un installatore professionista che colleghi unità esterna e unità interna tramite tubazioni dentro le quali scorre il gas refrigerante, R410. Senza entrare nel dettaglio il funzionamento, diciamo che il gas refrigerante, passando dallo stato liquido a quello gassoso, riesce a raffreddare l’aria all’interno dell’abitazione, sparandola dallo split che è dotato di ventole.
 
Il dimensionamento del condizionatore dipende dalla grandezza dell’ambiente da raffreddare . L’unità di misura è il BTU, British Thermal Unit. Un condizionatore da 9000 BTU solitamente è sufficiente per uno spazio tra i 20 ed i 30 m quadri. Uno da 12.000 per ambienti tra 30 e 50 metri quadri. Tutto dipende però dalla differenza di temperatura che vogliamo tra esterno ed interno, dalla presenza di fonti di calore, dalla coibentazione della casa.
Se non abbiamo l’opportunità di installare di montare l’unità esterna fuori dall’abitazione, dobbiamo per forza utilizzare condizionatori portatili. Ha le ruote e può quindi essere spostato di stanza in stanza. Il tubo che sputa aria calda va collegato con il mondo esterno tramite un buco praticato nel vetro della finestra.
I condizionatori d’aria in classe A , i modelli inverter, consumano a regime non più di 400 500 W l’ora, significa che spendiamo circa € 0,10 di euro ogni ora di utilizzo. L’ideale sarebbe utilizzarli insieme ai pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica. 
 
Quale marca di condizionatori scegliere?
La marca leader è senz’altro Daikin, ma ci sono anche le giapponesi Mitsubishi e Hitachi. Si stanno affacciando sul mercato anche LG e Samsung che propongono modelli sempre di più alla avanguardia e sofisticati. un condizionatore di marca medio buona costa circa € 600, quelli economici, cinesi circa € 300, quelli di fascia top con collegamento Wi-Fi e programmazione via Internet come alcuni modelli di Samsung possono arrivare a costare anche € 1000 . A questa cifra dobbiamo aggiungere circa € 200 per l’istallazione.
Se dobbiamo raffreddare più stanze possiamo anche pensare di utilizzare un sistema multi split. Ci sarà un’unità esterna unica centrale, più Split ognuna delle quali va installato in una stanza differente.
La manutenzione
I condizionatori non hanno bisogno di una grande manutenzione, basta pulire i filtri una volta al mese. La ricarica del gas non deve essere rieffettuata a meno che non ci siano perdite.
Uso del condizionatore in inverno
I climatizzatori possono anche funzionare in pompa di calore in inverno, anzi, molti li stanno scegliendo in alternativa ai termosifoni a gas anche grazie alla possibilità di utilizzare la tariffazione d1, molto più conveniente e che fa risparmiare.
 


Edilart S.r.l. utilizza cookies per offrirti un servizio sempre più in linea con le tue preferenze. Se chiudi questo banner, scorri o clicchi la pagina su qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Ti auguriamo buona navigazione!